Il co-fondatore di Apple, Steve Wozniak, sostiene una nuova startup di criptovaluta progettata per ridurre le emissioni di gas serra e contribuire a salvare l’ambiente.

Steve Wozniak vuole salvare il pianeta

Uno dei grandi problemi che i minatori di criptovalute si trovano ad affrontare ovunque è che il processo di estrazione sta presumibilmente aumentando la produzione di gas di carbonio e inquinando l’atmosfera, contribuendo così al cambiamento climatico. Per esempio, è stato detto che l’estrazione del bitcoin emette tanto carbonio quanto la città di Las Vegas, Nevada. Si è anche detto che è necessaria più energia per estrarre il bitcoin che per garantire l’elettricità a tutte le case in Islanda.

Di conseguenza, molte persone sono alla ricerca di soluzioni che possano potenzialmente rendere l’industria della crittovaluta più pulita e più efficiente dal punto di vista energetico. Wozniak si sta ora assumendo questo compito e sostiene un’azienda di crittografia nota come WOZX, che è stata lanciata da Efforce, un’impresa di crowdfunding ad alta efficienza energetica. L’asset permetterà agli utenti di ottenere quote di partecipazione in varie aziende e progetti di risparmio energetico in tutto il mondo.

Secondo Wozniak, il mercato dell’efficienza energetica vale attualmente più di 250 miliardi di dollari, e chiunque detenga WOZX può essere parte di un cambiamento duraturo.

Finora, molte aziende e singoli individui stanno saltando sul carro del risparmio energetico e cercano di investire nella nuova impresa. WOZX ha raccolto circa 18 milioni di dollari da vari investitori, e la valuta ha reagito positivamente al sostegno che ha ricevuto. Inizialmente la valuta ha iniziato ad essere scambiata a circa 22 centesimi per unità. Tuttavia, al momento della scrittura, un gettone di WOZX è scambiato per più di 1,50 dollari.

Secondo il co-fondatore di Efforce, Andrea Castiglione, quando gli utenti raccolgono unità di WOZX, ottengono profitti dalle aziende energetiche collegate che forniscono loro ciò che l’azienda chiama „crediti energetici“. Questi crediti possono essere utilizzati per pagare le bollette dell’energia elettrica e per coprire altri pagamenti relativi all’energia, oppure possono essere consegnati a Efforce per la valuta di fiat.

Castiglione ritiene che le possibilità siano infinite con il sistema attuale. In una recente intervista, il co-fondatore spiega che gli utenti possono recuperare fino al 20% dei loro investimenti, anche se i commercianti dovrebbero sempre essere cauti su quanto ci mettono e partecipare, dato che non tutti i progetti energetici saranno un affare fatto.

Fare attenzione quando si tratta di Crypto

Secondo Castiglione, ci sono vari rischi che derivano dai metodi operativi dell’azienda, uno grosso è che la crittovaluta non è mai completamente impostata, e i molti asset sono tipicamente soggetti a oscillazioni di prezzo o a fattori di mercato che possono influenzare i prezzi correnti:

Possiamo dire che i rendimenti degli investimenti sono prevedibili, ma c’è un certo rischio.

Wozniak, tuttavia, non sembra molto preoccupato, e ha spesso promesso di credere nella crittovaluta in passato, arrivando persino a dire che spera che il bitcoin possa diventare una valuta globale.